giovedì 18 gennaio 2007

Studenti-lavoratori. Un ossimoro?



SCALETTA SU GLI STUDENTI LAVORATORI

(ex gruppo di Meschini: Simi Melissa, Lazzarini Serena, Seggiolini Irene, Picerni Viviana, Papeschi Michela, Massoni Laura)

1) INTRODUZIONE circa 1m 20s

- Dati e percentuali su gli studenti lavoratori:

  • Budget di spesa
  • Lavoro a contratto/ lavoro a nero
  • Principali lavori svolti

2)INTERVISTE circa 6m

-Prima intervista a uno studente che lavora a nero, le domande principali sono:

  • Qual è il motivo per cui hai deciso di lavorare?
  • Che lavoro svolgi?
  • Lavori occasionalmente o fisso a tempo pieno?
  • E’ stata una tua scelta lavorare a nero?
  • Quello che guadagni è sufficiente per le tue spese?
  • Riesci lo stesso a rimanere in pari con gli studi, lavorando? (altre domande saranno aggiunte al momento dell’intervista in base alle risposte che ci verranno date)


- Seconda intervista a uno studente che lavora a contratto, le domande principali sono:


  • Qual è il motivo per cui hai deciso di lavorare e che lavoro svolgi?
  • Lavorando a contratto hai delle agevolazioni in campo universitario?
  • Quello che guadagni è sufficiente per le tue spese?
  • Riesci lo stesso a rimanere in pari con gli studi, lavorando? (altre domande saranno aggiunte al momento dell’intervista in base alle risposte che ci verranno date)


3)CONCLUSIONE circa 1m 30s

- Analisi finale dei pro e dei contro della situazione di uno studente lavoratore.


Totale del servizio circa 8m 50s

3 commenti:

Giulya ha detto...

Complimenti per la scaletta! Essendo studente-lavoratrice PART.TIME se avete bisogno di aiuto no problem! Only 2 questions: Ma i vostri intervistati seguono i corsi o studiano da non frequentanti? e poi... Ricordatevi che ogni facoltà è diversa, nel senso che non tutte le facoltà permettono di vivere una doppia vita lavorativa/"studiosa"; tenete conto della nostra con obbligo di frequenza per molti corsi e con 366 esami l'anno... mentre a lingue (per esempio) gli esami sono molti meno!(3 per il 1° semestre)... Cmq era solo un appunto, anzi, diciamo uno sfogo mio per non riuscire a conciliare perfettamente studio e lavoro; cosa che fanno altre mie amiche (per esempio di lingue...)
Bimbe... BUON LAVORO e IN BOCCA AL LUPO!

miki ha detto...

un ossimoro(cosa vuol dire?).for mi, no.
o meglio, è un ossimoro, ma un ossimoro con la o maiuscola per tuuuutte quelle persone che non credono nei miracoli. voglio dire che, a parte il credere o meno nei miracoli, che poco serve, studiare e lavorare, sempre for mi, si può, con tanta tanta passione, ma si può. non so, volare è più difficile.
studiare e lavorare non richiede essere fenomeni. richiede, ribadisco, tanta e tanta passione. e poi, più uno dispone di poco tempo per far rientrare tutte le sue cose, più è in grado di farle rientrare, diceva sempre quello, perchè è portato, costretto a muovere il c*** se vuole farcela. ecco, questo è un Ossimoro.
se uno ha tanto tempo, non è sempre così, ma vuoi vedere che se la prenderà con più calma e farà scivolare via tutti i suoi impegni della serie."tanto posso farlo anche domani!".
e comunque il lavoro è meglio se ve lo trovate part time. studiare e un lavoro time e basta...bè, sono c**** vostri.

Studenti-lavoratori. un binomio... possibile?

Melissa ha detto...

Grazie giulia per la disponibilità..
Cmq per rispondere alla tua domanda ti dico che una delle nostre intervistate è frequentante.. Frequenta Podologia a Pisa.. e lei per poter conciliare studio e lavoro ha dovuto trovare un lavoro che la occupasse solo la sera e il fine settimana... Togliendosi spesso la possibilità di poter uscire.. Ti do sicuramente ragione sulla difficoltà di conciliare studio e lavoro soprattutto con una facoltà come la nostra.. si rischia spesso di non impegnarsi al massimo a causa della stanchezza... ti capisco!
In bocca a lupo anche a voi e BUON LAVORO!